Fissa, manuale o motorizzata?

Quale scegliere e perchè:
Le reti a doghe, nei diversi modelli, possono essere scelte in tre configurazioni: Fisse, Manuali o Motorizzate.

– Quelle fisse non hanno bisogno di spiegazioni, sono quelle che non hanno alcun tipo di movimento.

Quelle a movimento di alzata busto e gambe, sia motorizzate che manuali, permettono di sollevare la parte del corpo interessata donando diversi benefici sia dal punto di vista del comfort che dal punto di vista terapeutico.

Entrambe le tipologie sono quindi adatte a diverse esigenze ma la scelta va fatta stando molto attenti alle proprie necessità.

– L’ alzata manuale è utile se si deve dormire in una sola determinata posizione. Ossia con il busto sollevato per problemi di respirazione o reflusso, o con le gambe sollevate per problemi di circolazione sanguigna. Dormendo con le gambe leggeremente sollevate infatti facilitiamo il ritorno del sangue al cuore. Sono invece scomodissime da utilizzare per leggere, guardare la tv o per muoverle standoci sopra.
Se la comprate per quest’ ultimo fine sappiate che dopo 2-3 volte rinuncerete ad usarle finendo per utilizzarle come una semplice rete fissa vanificando l’ investimento fatto.

– L’ alzata elettrica è più completa. Oltre i vantaggi posturali e terapeutici, dati anche dalla rete manuale, aiuta ad individuare la posizione più comoda per dormire in pieno relax in quanto si riesce a regolarla stando sopra il materasso. L’ alzata delle gambe in più ha un doppio snodo che aiuta a scaricare la tensione a livello lombare. Possono essere tranquillamente utilizzate per leggere o guardare la TV in quanto una volta preso sonno potete riportarle in piano con un semplice tasto senza dover scendere dal letto. Inoltre possono essere di grande aiuto a persone anziane o con difficoltà di movimento per alzarsi dal letto in quanto arrivano a raggiungere la posizione di seduta senza il minimo sforzo.

Vediamo ora invece le diverse tipologie e quale materasso è consigliato abbinarci.

RETE A CAMPATA UNICA

 

Le reti con una doga unica sono la tipologia più rigida in assoluto e di conseguenza rendono il materasso che vi si poggia sopra maggiormente portante. La tipologia di materassi adatta a questa rete è circoscritta alle molle tradizionali o insacchettate, tenendo conto però, che la loro durata sarà inferiore rispetto all’ utilizzo su di una doga più elastica che flettendo assorbe in parte il carico del peso della persona evitando che il materasso si stressi maggiormante lavorando da solo.

Tendenzialmente è una rete a doghe che, nonostante tutto, ci sentiamo di sconsigliare salvo rare eccezioni.

RETE A DOPPIA CAMPATA

 

Le reti a doghe con doppia campata prevedono 2 listelli divisi per ogni piazza. I vantaggi di questo tipo di costruzione sono molteplici in quanto ogni listello lavora indipendentemente dall’ altro seguendo la forma del corpo ed ha una flessibilità capace di assorbire parte del peso della persona aiutando il lavoro del materasso. Inoltre ogni lato/piazza è indipendente dall’ altro evitando che nei movimenti notturni i due utilizzatori si disturbino reciprocamente.

Possono avere il telaio in legno o in ferro a seconda delle esigenze strutturali ed estetiche del letto dentro cui andrano posizionate. Consigliamo sempre delle regolazioni poste al centro della struttura in corrispondenza della parte lombare per poter personalizzare l’ accoglienza in quel punto. Il legno utilizzato è nei migliori modelli in multistrato di faggio: resistente ed elastico.

E’ un tipo di rete a doghe adatta a tutti i tipi di materasso e in particolar modo a materassi da elevate prestazioni ergonomiche che richiedono basi non troppo elastiche ne troppo rigide per esprimere la loro migliore prestazione.

RETE A DOGHE BASCULANTI

 

Le reti con doghe basculanti sono consigliate per materassi in Lattice, Memory Foam o schiumati in genere. Esaltano le prestazioni del materasso aumentandone la durata fino al 30% in più. Il numero di doghe è elevato (26-28), sono strette 38 mm per essere più flessibili ed ergonomiche e per coprire meno superfcie del materasso permettendogli di respirare maggiormente.
I listelli non sono fissati direttamente sul telaio ma vengono montati su particolari supporti elastici che hanno lo scopo di rendere ergonomica anche l’ area di appoggio situata sopra le traverse. I supporti possono essere in Hytrel (materiale elastico indeformabile) o in Sebs (gomma).

Le più evolute sono dotate di supporti particolari che, all’altezza dei glutei e della spalla, sostituiscono le doghe con dei piattelli capaci di dare un’accoglienza ancora più performante e precisa in quelle determinate aree.

Tuttavia negli ultimi anni l’ evoluzione di alcuni materassi ha talvolta reso questo tipo di doga superflua o addirittura controproducente. Alcuni schiumati che godono di un’ elevata elasticità ed ergonomia, come ad esempio il Bultex,  lavorano meglio, salvo rare eccezioni, su delle doghe più ferme come la doppia campata.

Allo stesso modo le sconsigliamo sui materassi a molle in genere in quanto il risultato dell’ abbinamento di una doga molto elastica e di una molla rende il sistema letto troppo “rimbalzante”.